Solo un pazzo può
prendersi cura di un pazzo!

E' pazzia, ma c'è del metodo! (Shakespeare)

Sempre meno dietro ai Talk Show

Sempre meno sto dietro ai”talk show”, sempre gli stessi, sempre più verbosi, sempre le stesse facce a dire sempre le stesse cose.
Anche “Servizio Pubblico” che un tempo mi interessava molto. Ho assistito a quello di giovedì scorso.
Mi ha dato noia la presupponenza e la presunzione del conduttore che vuol far dire all’interlocutore ciò che lui stesso pensa, che lo interrompe per impedirgli di parlare mentre fa parlare altri quanto vogliono, che non gli fa finire il discorso e si arrabbia (come è successo giovedì scorso, poveretto.)

Circa il feritore dei carabinieri a Roma sono pienamente d’accordo col la Presidente della Camera che sempre più si distacca dalla palude: il sistema ha fatto modificare una vittima in un carnefice, soprattutto badando al significato di “carnefice”, vedi il vocabolario.

È morto Andreotti; mi sovviene il padre Dante, ed era nell’inferno:
“quanti si tegnon or la sù gran regi
che qui staranno come porci in brago,
di se lasciando orribili dispregi!”.
Inferno VIII, vs. 49-51

Vedo che tanti congolano ( lo scrivono) se qualche “grillino” è auzzato dallo stipendio di parlamentare e si incita gli altri a fare lo stesso , così dispregiano lordosamente una norma civile che dovrebbe prevalere in ogni parlamentare, quella di essere probo ed onesto, come tutti.
Tra l’altro quei parlamentari esaltati come furbi, ipocritamente disobbediscono ad una promessa sottoscritta candidandosi.
Forse qualcuno si augura che tutti siano della stessa risma, così potrebbero non vergognarsi.

Da tempo penso che la parola “destra” e “sinistra” abbiano perso il loro vero significato, le divisione dovrebbe essere fatta fra “chi sta bene se anche gli altri sanno bene” e “chi sta bene anche se gli altri stanno male”. Fra questi ultimi c’è la specializzazione di “quelli che stanno bene se gli altri stanno male”.

E aveva ragione don Milani: “Da quanto uno prende si vede da che parte sta”.

Uno che prende più di 5.000 euro al mese non sta dalla parte di chi ne prende 500. I poveri ci sono perché ci sono i ricchi. ( tanti si arrabbiano, e avrei voluto adoprare un altro verbo, a sentir dire così), ma sono certo che “solo” con 5.000 euro al mese si sta bene, anche troppo.

 





© Blog personale di Giuseppe Fioravante Giannoni
Gli articoli vengono pubblicati senza una cadenza regolare.